Autocisterna esplosa sulla Salaria: vittime senza giustizia per la perizia dimenticata

salcisNon ci sono colpevoli per l’esplosione di una cisterna di carburante avvenuta il 5 dicembre 2018, all’interno di una stazione di servizio lungo la via Salaria, tra Roma e Rieti, in prossimità della frazione di Borgo Quinzio, durante le operazioni di scarico di carburante da un’autobotte al serbatoio interrato dell’impianto, costata la vita a un vigile del fuoco, Stefano Colasanti, e a un automobilista di passaggio, Andrea Maggi, investiti dall’onda d’urto e dalle fiamme sprigionate dall’incendio che raggiunsero abitazioni lontane oltre cento metri dal luogo dell’incidente. Una tragedia che registrò anche ventitré feriti, tra i quali alcuni pompieri giunti sul posto dai distaccamenti di Poggio Mirteto e Montelibretti, e infermieri del 118. La procura di Rieti, che aveva aperto un fascicolo per accertare cause e responsabilità della tragedia, indagando tre persone con le ipotesi di reato di omicidio colposo e lesioni gravi colpose, ha chiesto infatti al gip del tribunale di archiviare il procedimento con una motivazione che, se accolta, potrebbe lasciare senza giustizia due vittime innocenti.

www.ilmessaggero.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>