Giovane centauro morto, lavorava vicino a Prati. Appello social per trovare testimoni

Simone-CirilliDalle 15.30 del 30 maggio Simone Cirilli non c’è più. Un incidente, ancora per cause sconosciute, lo ha strappato alla vita a soli 26 anni mentre era in sella alla sua amata motocicletta al chilometro 60,200 della Salaria. Il giovane centauro lavorava al locale Pizza Art di piazza Giovenale 9. Sui social è stato lanciato un appello per conoscere la verità sul decesso. “La mamma e il papà, Paola e Umberto, miei carissimi amici – scrive su Facebook Michela Piovano –  hanno il cuore a pezzi e visto che la dinamica dell’incidente non è nota, vorrebbero almeno sapere cosa sia accaduto. Si è saputo che due persone, un uomo e una donna, forse medici di passaggio, sono stati i primi a prestare soccorso a Simone. Chiunque legga questo messaggio e ha avuto l’occasione di passare da lì in quel momento, può contattarmi in privato. Qualsiasi informazione, anche un piccolo particolare che potrebbe sembrare insignificante, potrebbe regalare un po’ di pace a questi due genitori. Nessuno potrà mai restituire loro Simone, ma non sapere è come perderlo ancora”.

“Lavorava qui da sette anni – commenta la titolare di Pizza Art, Stefania – era un pezzo del mio cuore. Era sempre gentile, disponibile, un ragazzo adorabile. Siamo tutti sconvolti. La sua passione erano i motori, gli piacevano le gare e seguiva i Gran premi anche dal vivo. Per me era come un fratello o un figlio”.

romah24.com

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>