Studenti Liceo Rocci: “Inaccettabile che la scuola non abbia piattaforma per videolezioni”

liceo_rocci_a_passo_corese“La situazione al liceo Rocci di Fara in Sabina sta diventando ingestibile, vi preghiamo di ascoltare il nostro sfogo. Questa volta non si parla di strutture e tantomeno di insegnamento, si parla di organizzazione.

Siamo sempre stati affezionati al Liceo, ma quello che sta succedendo rasenta il ridicolo. Anche in tempi complessi come questi, la scuola deve dimostrare idee chiare agli studenti. Invece, a quanto pare, sembra dominare il caos.

Non è accettabile che richieste per l’ultilizzo di tablet e computer inviate tre settimane fa siano ancora senza risposta quando in moltissimi altri Comuni sono stati addirittura distribuiti.

Non è accettabile che la scuola non riesca ad adottare una piattaforma affidabile e funzionale per frequentare le videolezioni, lasciando il libero arbitrio ai professori ed esponendo i medesimi e gli studenti al furto di informazioni online.

Non è accettabile che ad oggi (22 aprile 2020) non ci sia una circolare chiara che spieghi dove siano finiti i soldi delle gite non effettuate. Tutto questo è ridicolo. Siamo stanchi, studenti e genitori.

Ci dicono che la scuola è pubblica, ma chi non può permettersi un computer o tablet sarà costretto a studiare, nel migliore dei casi, dallo schermo di un cellulare, utilizzando la piattaforma “BSMART” quasi sempre non funzionante, aspettando che almeno le o gli vengano rimborsati quei soldi che magari erano frutto del sacrificio di tutta famiglia. Complimenti.”

Gli studenti del Liceo Rocci.

www.rietinvetrina.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>