Matia Llupa in Residenza artistica a Poggio Mirteto
Dal 21 settembre fino al 5 ottobre 2019, l’artista albanese Matia Llupa, sarà in residenza artistica a Poggio Mirteto, ospite del Teatro delle Condizioni Avverse.
L’artista è stato selezionato tramite la rete di scouting della Bjcem – Association Biennale des Jeunes Créateurs de l’Europe et de la Méditerranée – Biennale dei giovani artisti del Mediterraneo ed in collaborazione con Arci nazionale.
Il giovane artista ha una formazione legata al teatro. Ha studiato presso l’Akademie e Arteve di Tirana e al Teatro Arsenale di Milano e lavorato in Italia ed Albania come attore in produzioni video e di teatro.
Matia lavorerà su progetto denominato “Immigrati nel mondo”.
La Residenza si sviluppa da un progetto nato in Albania denominato “Immigrati nel mio Paese”. In base ai problemi attuali dell’Albania, le persone non sanno più se fanno parte del loro territorio o sono anche qua immigrati. L’interesse è quello di sviluppare il progetto in base a ricerche in un territorio sconosciuto. I temi che si vogliono indagare sono: il cambiamento prodotto negli immigranti che hanno scelto di ritornare in Patria e cosa provano quelli che hanno scelto di restare. Una ricerca di dimensione politica, storica e comunicativa.
Territori che non ci appartengono su base culturale o politica ma ci appartengono come uomini e come parte del nostro grande territorio, oltre che artistica.
Sul territorio della residenza si vuole lavorare attraverso incontri con i residenti, gli immigrati e gli artisti per condividere pensieri riguardo il tema del progetto.
Il progetto è finanziato come Residenza Artistica Nazionale art.43 – MiBAC e Regione Lazio 2018-2020 all’interno della Residenza Artistica della Bassa Sabina – TerrArte 2019

Origine: Teatro delle condizioni avverse