Marco Baliani alla Residenza multidisciplinare della Bassa Sabina del Teatro delle Condizioni Avverse

MarcoBalianiIl 4 e 5 novembre l’attore Marco Baliani sarà ospite in Sabina al Teatro delle Condizioni Avverse per lavorare come tutor con i giovani attori Fabio Facchini (Milano), Diego Coscia (Torino), e l’uditore Alessandro Blasioli (Chieti) per terminare la loro fase di lavoro in residenza artistica del progetto “La Notte Atomica” ideato da Andrea Maurizi del Teatro delle Condizioni Avverse.

Gli attori, guidati dall’esperienza dei tutor Marco Baliani e Andrea Maurizi, stanno realizzando proprio in questi giorni i loro spettacoli con progetto “La notte atomica”, che come intento artistico ed espressivo ha quello di realizzare percorsi teatrali notturni, raccontare alcune storie della città, nei luoghi dove sono accadute. Storie da raccontare a voce bassa per pochi spettatori alla volta invisibili nella notte.
Gli attori, selezionati da bando pubblico, hanno scelto alcune storie della propria città da poter poi, successivamente all’esperienza della Residenza, raccontare in un viaggio spettacolo notturno, da fare in macchina o con altri mezzi, in piccoli gruppi (o in altro modo si ritenga utile).

Un viaggio teatrale che si svolgerà interamente in macchina, o con altro mezzo di locomozione, con 4/6 spettatori per replica. Di notte la città si trasforma; la notte contribuisce a liberare quei luoghi che attraversiamo quotidianamente dal loro essere un frenetico, sterile e anonimo contenitore delle nostre vite distratte. Un viaggio nella notte, in un tempo diverso, stanco e lento. La notte è una via per scoprire e abbandonarsi oniricamente a un viaggio fatto di luoghi, volti e storie da narrare sottovoce. Un viaggio per pochi spettatori per assaporare il sale della terra su cui affondano le radici delle nostre città e degli uomini che le hanno abitate. Il fine è realizzare una rete nazionale di spettacoli itineranti sulle storie delle proprie città.

Un viaggio teatrale per raccontare le utopie e i sogni dei poeti che quelle città le hanno attraversate, per raccontare storie di uomini del ‘900 che in quelle strade hanno combattuto contro un potere più grande di loro, storie di resistenza, di lotta, di terrorismo, di mafia.

Una riscoperta silenziosa di storie scomode, storie “da dimenticare”, “storie sbagliate”. Storie da narrare sottovoce, nei luoghi dove sono accadute.

Il teatro delle Condizioni Avverse è una compagnia teatrale riconosciuta dal Ministero dei Beni Culturali, Officina Culturale della Bassa Sabina e Residenza Multidisciplinare della Bassa Sabina con finanziamenti dal MiBACT e dalla Regione Lazio, presente nel territorio con un attenzione sempre rivolta al teatro come arte necessaria, utile per l’arricchimento culturale e sociale, per la valorizzazione della memoria storica e la lotta alla legalità.

Per informazioni contattare Teatro delle Condizioni Avverse, alla e-mail info@condizioniavverse.org, www.condizioniavverse.org
Tel. 0765.24699

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>