Monterotondo. Insegnanti in sciopero della fame per lo ius soli

le_prove_per_il_flash_mob-550-340-634765È proprio il caso di dirlo: a livello del suolo accadono cose importanti e inaspettate. La campagna Insegnanti per la cittadinanza è un buon esempio. Un gruppo spontaneo di insegnanti comincia a far girare un appello per lo ius soli, molti aderiscono (raccolte le prima 4.400 firme, è ancora possibile aderire cliccando qui) e annunciano uno sciopero della fame per il 3 ottobre (sono 840 sparsi in tutta Italia), altri propongono attività nelle scuole, nasce un gruppo facebook, diverse associazioni e reti aderiscono (Cidi, Cemea, Rete di cooperazione educativa, rete Educare alle differenze…). Alcuni senatori (tra i primi Luigi Manconi) decidono di sostenere questa campagna e fanno sapere di essere pronti anche loro a uno sciopero della fame a staffetta, anche intellettuali e artisti potrebbero affiancarsi presto. Intanto, la rete Italiani senza cittadinanza sostiene l’appello degli insegnanti e insieme rilanciano l’appuntamento del 13 ottobre (promosso con l’Arci) davanti Montecitorio (ore 16) per il sit-in del Cittadinanza day. Inevitabile anche intrecciare la strada con i promotori dell’appello/manifestazione del 21 ottobre Contro ogni forma di razzismo (piazza Vittorio Roma, ore 15).

Naturalmente c’è molta consapevolezza tra i promotori dell’appello sulle difficoltà di arrivare all’approvazione in senato della legge dedicata ius soli, già passata alla camera. Per questo il loro sguardo è al tempo stesso concentrato su queste settimane ma anche su orizzonti più lontani con percorsi tutti da esplorare insieme. Del resto, se c’è un laboratorio di pratiche interculturali quello è, ormai da molti anni, la scuola.

Insegnanti per la cittadinanza è dunque una campagna con ragioni politiche (dare piena dignità a tutti i bambini) ma anche educative: si tratta di vivere percorsi con bambini e ragazzi per scoprire come “democrazia e cittadinanza – ricorda Franco Lorenzoni, maestro, tra i principali animatori della campagna – vadano conquistate ogni giorno”. Per questo, dalla scuola Rinascita di Milano alla scuola Amari Roncalli Ferrara, del centro storico di Palermo, passando per Pistoia, Lecce, Bari, Iglesias, Monterotondo e molte scuole di Roma, il 3 ottobre ci sono decine e decine di scuole nelle quali si discute in diversi modi il tema della cittadinanza.

Del resto, lo sciopero della fame del 3 ottobre e i due appuntamenti (quello del 13 e quello del 21) si alimentano prima di tutto con le diverse iniziative promosse nelle scuole in tutte le regioni. Di seguito cominciamo a segnalare alcune tra quelle raccontate nel gruppo facebook della campagna e nell’incontro realizzato il 2 ottobre, a Roma, presso la sede dei Radicali. Raccoglierle tutte insieme, ne siamo certi, può favorire un creativo effetto emulativo, ma soprattutto dimostra che è proprio a livello del suolo (soli), che accadono cose importanti e inaspettate.

comune-info.net

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>