Un murales lungo “vent’anni”, cosi Millo festeggia il “cantiere” dei giovani

MILLO1-550x300di Anna Toro –

Da un po’ di giorni una scatola di cemento tra palazzoni alti e grigi come se ne vedono in molte periferie è diventata cuore pulsante della vita di un quartiere, riempiendosi di colori e immagini capaci di scuotere e stupire: siamo a Monterotondo Scalo, area di periferia a pochi chilometri da Roma, dove lo street artist di fama internazionale Francesco Camillo Giorgino, alias Millo, è stato chiamato alla realizzazione di un enorme murales – fatto di città intricate e immaginarie com’è nel suo stile – all’esterno del centro di aggregazione giovanile “Il Cantiere” gestito dalla Cooperativa Sociale Folias.

“Vogliamo festeggiare i nostri 20 anni di attività con un gesto simbolico per dire che la cooperazione sociale deve fare questo, ovvero ripensare le città – spiega Salvatore Costantino, presidente della cooperativa – il nostro vuole essere infatti un progetto di rigenerazione urbana che rimetta mano alla bruttura delle case popolari con un esercizio di bellezza”.

Destinatari sono soprattutto i giovani del territorio, quelli di cui il centro si è sempre occupato offrendo loro attività di formazione, cultura, intrattenimento, avviamento al lavoro, e sperimentazione della propria creatività e del proprio talento. Una sorta di “fiore nel deserto” in un’area popolare da sempre povera di servizi e opportunità. E che ora si appresta a rinascere, con una ristrutturazione finanziata in gran parte attraverso un crowdfunding e il lavoro di Millo che ha raccolto attorno a sé tutta la cittadinanza.

“Portare la street art, l’arte e la bellezza, al pari delle grandi capitali europee, in un’area popolare e periferica come quella dello Scalo, significa anche restituire dignità e vivacità al quartiere e ai suoi abitanti – commenta Costantino – permettendo soprattutto ai ragazzi di allargare i propri orizzonti, scoprire mondi diversi, essere orgogliosi del luogo in cui vivono e chissà, magari anche prendersene cura”.

sociale.corriere.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>