Le Arti si sFogliano per tre giorni al Castello con Alice

borgo_castelloDal 14 al 16 luglio 2017 a Fiano Romano (RM) le Arti si sFogliano per tre giorni al Castello con Alice che fa meraviglia.

All’interno del Borgo Festival di Fiano Romano, il 14, 15 e 16 luglio si terrà una tre giorni di spettacoli ispirati al personaggio di Alice nel Paese delle Meraviglie, con la regia di Federica Altieri su testi di Benedetto Tudino. La manifestazione Le Arti si sFogliano accompagnerà i visitatori all’interno di alcune stanze dello splendido Castello Orsini, insieme ad artisti come Marcello Allulli, Ermanno Baron, Francesco Diodati, Alessandro Guerra, Sebastiano Spinella, Claudio Piselli e la piccola Viola Ronzoni.

Ingresso gratuito.

Il 14, 15 e 16 luglio, l’Associazione Appercezioni è protagonista del Borgo Festival al Castello Ducale Orsini di Fiano Romano con un nuovo appuntamento a ingresso gratuito della manifestazione itinerante Le Arti si sFogliano, sostenuta dalla Regione Lazio: una tre giorni di spettacoli ispirati ad “Alice nel Paese delle Meraviglie”, rivolti sia ai bambini che agli adulti.
Con la regia di Federica Altieri su testo dello scrittore e pedagogo Benedetto Tudino, ogni sera dalle 21 il pubblico sarà guidato tra le stanze dello splendido Castello Orsini di Fiano Romano, da musicisti e attori: Marcello Allulli,  Ermanno Baron,  Francesco Diodati, Alessandro Guerra, Sebastiano Spinella, Claudio Piselli e la piccola Viola Ronzoni.
Articolato in tre diversi appuntamenti, l’evento vuole rappresentare l’uscita dal “labirinto” della società odierna, sconosciuta e complicata, dove si comprano e si consumano beni, potere, divertimenti, in compagnia di una grande solitudine. Si vuole uscire da questo labirinto per esigenze educative e culturali, guidati in un viaggio ipotetico tra normalità e meraviglia, dove per meraviglia si intende il fascino dello stare insieme e soprattutto dell’accogliere le storie di tutti, perché patrimonio comune: nel progetto, il senso dell’accoglienza è al centro del sistema educativo.
A essere messa in evidenza, l’esigenza di superare la crisi culturale contemporanea riconoscendo, nella società attuale, un forte senso di “solitudine” sia fisica che psicologica. Il viaggio nel labirinto costituisce, dunque, un “attraversare la modernità”, con i suoi disagi (il mito dell’autorealizzazione, la perdita dell’intimità personale, l’invasione della coscienza da parte del mondo circostante,…) per tornare ad appropriarsi delle esigenze più umane, in un mondo che risulti a tutti più familiare.
Accompagnatrice d’eccezione per questo attraversamento e uscita dal labirinto è la figura di Alice, rappresentata dalla piccola Viola Ronzoni, alla ricerca della propria identità nel rivedere il mondo e rilanciare una nuova realtà.
Venerdì 14 luglio alle 21 sarà protagonista l’attore Alessandro Guerra con la piccola Viola Maria Ronzoni, alle 23.30 seguirà il concerto del trio MAT formato dal sassofonista Marcello Allulli, dal batterista Ermanno Baron e dal chitarrista Francesco Diodati. Sabato 15, sempre dalle 21, protagonista il musicista e attore Sebastiano Spinella con la piccola Viola Maria Ronzoni. Domenica dalle 21 il pubblico sarà guidato dalla piccola Viola e dai musicisti Marcello Allulli e Claudio Piselli.

CONTATTI
appercezioni2004@gmail.com Tel . 347.1961384

lazionauta.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>