Palombara Sabina. Arma artigianale utilizzata come antifurto fai da te: il proprietario del magazzino rimane ferito della sua stessa invenzione

palombara_arma12L’arma era ancorata su un blocco di cemento, puntata verso la porta d’ingresso di un magazzino e collegata alla rete elettrica. Eventuali accessi illeciti avrebbero fatto scattare la trappola e la conseguente “punizione”, potenzialmente letale. Un antifurto fai da te che si è “ribellato al suo creatore, ferendolo. Questa è la situazione che hanno affrontato i Carabinieri della Compagnia di Monterotondo del Capitano Salvatore Ferraro, chiamati a dirimere la vicenda nella zona di Stazzano di Palombara Sabina. L’ideatore dell’invenzione, un 53enne italiano, si è probabilmente dimenticato di aver attivato l’allarme giorni fa: ha aperto la porta ed è stato ferito da un colpo a pallini calibro 12, che lo ha gravemente ferito ad una spalla. Immediatamente è stato dato l’allarme al 112 e i Carabinieri hanno, dapprima, attivato i soccorsi per il 53enne, poi, durante il sopralluogo, scoperto il pericolosissimo congegno nascosto sotto un telo di juta. Messa in sicurezza l’area e scollegata la pistola artigianale, i Carabinieri hanno arrestato il 53enne con l’accusa di fabbricazione illegale di arma clandestina. L’uomo, non in pericolo di vita, è piantonato all’ospedale di Tivoli, dove attende un intervento chirurgico.

www.romaest.org

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>