Si insedia il consiglio comunale fianese: botta e risposta tra gli eletti

consiglio1di Gioia Maria Tozzi –

Primo consiglio comunale: si insediano i nuovi consiglieri, gli assessori e il neo eletto sindaco Ottorino Ferilli. Nel corso dell’assise il primo cittadino ha indicato il presidente del consiglio comunale Alessio Di Giorgi, votato all’unanimità, e i nuovi assessori che comporranno il gruppo di lavoro per i prossimi cinque anni. Ferilli ha nominato Davide Santonastaso vice sindaco. Durante il consiglio è stata eletta capogruppo di maggioranza Fatima Masucci. Botta e risposta tra i consiglieri per l’intervento di insediamento del capogruppo di minoranza del Movimento 5 Stelle Francesco Montiroli.

ELEZIONE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Voto unanime per l’elezione del presidente del consiglio comunale. La carica è stata assegnata al consigliere di maggioranza Alessio Di Giorgi. L’incarico di vice presidente del consiglio, sempre con voto unanime, è andato al consigliere di minoranza Patrizia Morganti. “Ringrazio il sindaco e tutto il consiglio per aver votato all’unanimità la mia elezione a presidente del consiglio comunale” ha detto Di Giorgi al termine delle votazioni.

IL GIURAMENTO DEL SINDACO E GLI INCARICHI AGLI ASSESSORI. A prendere la parola è stato poi il sindaco Ottorino Ferilli che ha giurato di essere fedele ai valori della Costituzione. Il primo cittadino ha poi nominato gli assessori che lavoreranno al suo fianco nei prossimi cinque anni: Davide Santonastato vice sindaco con delega di assessore alla Scuola e allo Sport; Nicola Santarelli assessore ai Lavori Pubblici; Eleonora Pezzola assessore all’Urbanistica; Vittoria Iannuccelli assessore al Bilancio e ai Tributi; Eleno Mattei assessore alla Cultura, al Personale e al Turismo.

NOMINA DEL CAPOGRUPPO DI MAGGIORANZA. A prendere la parola è stato poi il consigliere di maggioranza Mattia Gianfelice che a nome degli eletti ha indicato il nome del capogruppo: “E’ volontà di tutto il gruppo di maggioranza nominare capogruppo il consigliere Fatima Masucci”.

LE PAROLE DELL’ASSESSORE MATTEI. “Ringrazio i cittadini per aver dato un voto importante e di continuità che ha permesso alla passata amministrazione di avere fiducia per un altro mandato – ha detto l’assessore alla Cultura, al Personale e al Turismo Eleno Mattei – la cultura avrà sempre un ruolo fondamentale. Amministreremo per il bene comune, agiremo con trasparenza e le nostre scelte saranno sempre chiare e motivate”.

LE PAROLE DEL CAPOGRUPPO DI MINORANZA MONTIROLI. “Ringrazio gli elettori. Siamo onorati di aver ricevuto la loro fiducia e di rappresentarli in consiglio comunale – ha detto il capogruppo di minoranza del Movimento 5 Stelle Francesco Montiroli – La nostra voce sarà la loro voce”. Il capogruppo ha poi sottolineato l’affermazione del Movimento in tutto il territorio nazionale e che questo è un dato che pone l’attenzione su una rivoluzione inevitabile per il Paese. “In questi mesi di campagna elettorale siamo stati derisi, sbeffeggiati e ci è stato detto che non avevamo fatto niente – ha continuato il capogruppo Montiroli – siamo amareggiati da quanto scritto su Facebook dai giovani e dal canto della canzone “Bella ciao” da loro fatto mentre uscivamo dalla sede delle elezioni. Crediamo che nessuno può amministrare la nostra libertà meglio di noi stessi. Il nostro comportamento in consiglio per i prossimi cinque anni sarà improntato sul rispetto per le istituzioni, ma vogliamo il medesimo rispetto dagli avversari. L’opposizione sarà a tutto campo e sarà inesorabile. Dove si farà per il bene comune avrete il nostro appoggio, dove non sarà così saremo la vostra spina nel fianco. Siamo stanchi di un Paese fiaccato dalla mafia, dall’abusivismo edilizio, dalle discariche a cielo aperto”. L’intervento del capogruppo Montiroli è stato poi fermato dal presidente del consiglio comunale Di Giorgi che ha chiesto di moderare i toni, risentito dall’utilizzo delle parole “mafia” e “abusi edilizi”, ricordando il successo elettorale in termini di percentuale di voti che hanno portato alla vittoria della maggioranza fianese. Il presidente ha sollecitato il rispetto dei tempi negli interventi. Il sindaco Ottorino Ferilli ha chiesto al presidente Di Giorgi, per questo primo consiglio comunale di insediamento, di dare spazio agli interventi senza porre limiti di tempo. Il capogruppo Montiroli ha ripreso così il suo intervento: “il Movimento si impegna ad attuare il programma elettorale proposto con particolare attenzione ai temi dell’acqua pubblica, dell’ambiente, dell’urbanistica, del controllo degli incarichi e delle gare e della mobilità. Cosa farete voi? Ci chiediamo cosa farete voi per non essere sommersi dal Movimento 5 Stelle. Concludo facendo gli auguri a tutte le donne elette sia in maggioranza che in opposizione”.

L’INTERVENTO DEL VICE SINDACO SANTONASTASO. “Ringrazio il sindaco Ferilli per avermi accordato fiducia e la carica di vice sindaco – ha detto l’assessore e vice sindaco Davide Santonastaso – lo ringrazio soprattutto per avermi affidato le cariche di assessore alla Scuola e allo Sport che avevo ricoperto nel precedente mandato e per cui ho lavorato con impegno per cinque anni. A questo punto in genere durante il primo consiglio comunale si ringrazia anche l’opposizione ma non posso in ringraziare il capogruppo di minoranza Montiroli per il suo intervento, perché non è in maniera assoluta un discorso di insediamento. Montiroli parla di corrotti, di “altri” e di una superiorità che rivanga reminescenze infauste. Il suo intervento ha posto l’accento sulla parola rivoluzione e lo ha fatto con arroganza. Non sono un cementificatore e la mia linea sui rifiuti zero è sempre stata chiara. Anche io sono stato sbeffeggiato su Facebook e ho ricevuto ingiurie e minacce nel corso della campagna elettorale. Credo che autocritica e umiltà siano alla base di chi vuole ricoprire incarichi istituzionali. Non mi sento moralmente inferiore a voi del Movimento 5 Stelle. Mi aspettavo un intervento che puntasse l’attenzione sul lavorare insieme. Voi siete minoranza perché lo ha deciso il popolo. Per me i cittadini sono tutti uguali e non li distinguo in serie A o in serie B”.

LE PAROLE DEL CONSIGLIERE DI MAGGIORANZA GIACOMINI. “Credo che sui temi nazionali si possano convocare consigli comunali a tema – ha detto il consigliere di maggioranza Franca Giacomini – noi non siamo qui per proteggere gli interessi dei singoli, come avete sottolineato nel vostro intervento. Io ho la certezza del contrario altrimenti non mi sarei candidata. Non si può parlare di pregiudizi in questa sede. Sul piano personale dovete provarmi che sono una persona disonesta”.

L’INTERVENTO DEL CONSIGLIERE DI MINORANZA SCARAFONI. “La parola “mafia” utilizzata nel discorso di insediamento dal nostro capogruppo si riferisce alla piaga nazionale – ha detto il consigliere di minoranza Solidea Scarafoni – noi del Movimento in questa sede voteremo favorevolmente ogni cosa fatta a beneficio della collettività e andremo allo scontro dove riterremo che non sarà così”.

LE PAROLE DELL’ASSESSORE SANTARELLI. “Sono assessore per la quarta legislatura e credo di essere il più anziano eletto qui dentro – ha detto l’assessore Nicola Santarelli – in campagna elettorale nessuno è stato immune da attacchi…fa parte del gioco ma oggi la campagna è finita. Credo che ognuno di noi qui debba rivolgersi ai cittadini che non sono andati a votare, perché in qualche modo li abbiamo delusi come classe politica e hanno preferito non esprimere il loro voto per nessuno. Mi trovo d’accordo su alcune tematiche nazionali citate dal capogruppo di minoranza Montiroli ma vorrei, senza sembrare paternalista, che non si scivolasse mai sul personale. In questo modo si innalzano solo muri, non si costruisce insieme per il bene comune e si rovinano solo rapporti personali. L’affermazione del Movimento 5 Stelle a livello nazionale è chiara e quando il popolo si esprime ha sempre ragione. Non voglio però che si inizi con toni così accesi. Per quanto riguarda l’assessorato che mi è stato assegnato vorrei ringraziare il sindaco e realizzare al più presto una conferenza: i prossimi cinque anni devono ricucire le ferite dove ci sono e migliorare i servizi. La minoranza ha fatto bene a richiamare l’attenzione sulle gare ma dobbiamo ricordare tutti che il consiglio non è un campo di calcio: si deve venire qui per fare il bene del paese”.

L’INTERVENTO DEL CAPOGRUPPO DI MAGGIORANZA MASUCCI. “Non c’è un atteggiamento positivo nella frase “saremo la vostra spina nel fianco”, credo che sarebbe stato meglio utilizzare “faremo una critica costruttiva” – ha detto il consigliere e capogruppo di maggioranza Fatima Masucci – Fiano ha una lunga storia di centro sinistra e ne ha sempre portato avanti i valori e lo ha fatto con onestà sia dei singoli che del gruppo. Fiano è un territorio diverso rispetto all’Italia, basta vedere la risposta data dai servizi sociali alle esigenze reali di chi ha bisogno e si è rivolto qui. Non sarete una spina perché altrimenti la toglieremo immediatamente”.

LE PAROLE DEL CONSIGLIERE DI MINORANZA MORGANTI. “Per dissipare ogni dubbio e polemica vi forniremo copia del nostro discorso – ha detto il consigliere di minoranza Patrizia Morganti – non credo che a persone intellettualmente oneste come voi possa sfuggire che l’Italia è ridotta in condizioni pessime. Per i prossimi consigli metteremo agli atti i nostri interventi in modo da fugare ogni dubbio o critica non costruttiva. Non soffriamo di schizzofrenia e intendiamo rivendicare al Movimento 5 Stelle una corretta opposizione democratica. Ogni volta che le vostre azioni saranno per il benessere collettivo avrete la nostra parola d’onore di ricevere il nostro plauso, in caso contrario saremo la vostra opposizione”.

LE CONCLUSIONI DEL PRIMO CITTADINO. “In genere nella prima seduta del consiglio c’è un esternare prospettive con l’augurio reciproco di fare il bene della comunità – ha concluso il sindaco Ottorino Ferilli – chi mi conosce sa che quando vengo criticato e stimolato esce il meglio di me. Vorrei ringraziare oggi le tre liste, i candidati e i candidati sindaci che hanno messo la loro faccia. Vi chiedo poi di allontanarvi dagli allenatori fuori dal campo. Non credo sia giusto ingessare il dinamismo della nostra comunità con scontri di questo tipo. Sinceramente prima di preoccuparmi della politica ampia mi interessa questa comunità. Vorrei che diventasse un modello da esportare, visto che Fiano è risultato essere in controtendenza rispetto al nazionale. Se abbiamo raggiunto questo risultato c’è stata una amministrazione che in passato ha saputo rappresentare le esigenze. Sono felice di avere una opposizione che sia un combustibile, di essere pungolato, di avere tante donne elette in consiglio, di avere diverse professionalità. Anche io ho subito diversi attacchi e critiche ma mai sono intervenuto perché in campagna elettorale avevo la visione precisa che quelle persone erano allenatori fuori dal campo che non sarebbero mai stati parte della partita”. Il primo cittadino ha poi concluso facendo gli auguri a tutti per un buon lavoro e ringraziando il segretario comunale Trabucchi che presto lascerà l’incarico.

ELEZIONE COMMISSIONI. Il primo consiglio comunale si è chiuso con l’elezione dei rappresentanti delle diverse commissioni e con la nomina del Collegio dei Revisori dei Conti. Per la commissione elettorale comunale sono stati eletti il sindaco Ferilli, Mattia Gianfelice, Simonetta Ciotti e Leila Sorrento e i supplenti Franca Giacomini, Solidea Scarafoni e Isidoro Martini. La Giunta Ferilli ha proposto l’istituzione di quattro commissioni consiliari permanenti. Il capogruppo di minoranza Montiroli ha chiesto l’introduzione di una quinta commissione di vigilanza e controllo che sarà inserita come punto da votare nella prossima assise comunale.

www.teverenotizie.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>