Comunali 2016. Dialogo difficile a Fara nel centrosinistra

elezioni-comunalidi Raffaella Di Claudio  –

Da qualche giorno, sulla bacheca facebook del Movimento Per Fara, fondato da Daniela Simonetti, Gian Piero Brucchietti e Claudio Giovannini, sono comparsi alcuni curiosi «manifesti». Sullo sfondo troneggia la foto di Carmelo Tulumello e sopra compare la scritta «Indietro ora, o dopo una sonora sconfitta? Mario Rossi tu che dici? Io Tulumello non lo voto». E ancora: «Mario Rossi diglielo tu: un passo indietro». Come a sottolineare che le istanze del cittadino comune non possono essere accolte dal candidato di Fara bene comune. L’iniziativa non proprio conciliante e men che meno di buon auspicio, intrapresa da Per Fara, segue l’invito, inoltrato proprio a Tulumello, da Giorgio Giovannelli, candidato sindaco del movimento Per Fara. Giovannelli, in una lettera in cui ripercorreva gli ultimi mesi, chiedeva di «fare tutti un passo indietro, a partire da Tulumello, per ottenere insieme la vittoria sperata».

All’invito, Tulumello si era detto «disponibile a capire», rimandando poi la palla alla coalizione che, soprattutto con il segretario Pd, Marinangeli, è stata chiara: «Il confronto politico può riprendere, ma a partire dal riconoscimento delle primarie attraverso le quali centinaia di cittadini hanno scelto il proprio candidato sindaco». Risposta che non deve essere andata a genio al movimento Per Fara, che probabilmente sperava nel ritiro (poco credibile) di Tulumello, da sempre considerato come «calato dall’alto e avulso da Fara». Deve aver preso le mosse da questa probabile delusione, l’iniziativa dei «manifesti» anti Tulumello, che di certo non aiuteranno a rasserenare gli animi.

LA REAZIONE
«Personalmente – ha dichiarato il candidato sindaco di Fara bene comune – mi risulta difficile pensare di trovare un accordo con chi sta invitando le persone a non votarmi. Sinceramente, appena ho visto la foto, mi sono fatto una risata, non me la sono presa. Ma di certo ho una faccia e una dignità e visto che certi metodi non mi appartengono, non sono disposto a condividerli». Nella serata di ieri era anche fissata una riunione della coalizione con l’iniziativa del movimento Per Fara che, inevitabilmente, è finita all’ordine del giorno dell’incontro.

E c’è da credere che la coalizione abbia ribadito la decisione, già espressa, di andare avanti per la strada tracciata il 13 marzo. Che a meno di due mesi due mesi dalle elezioni si possa dire che le strade delle due compagini del centrosinistra si siano divise definitivamente? Considerati i colpi di scena delle ultime ore e le evoluzioni che solo la campagna elettorale può regalare, magari il termine «definitivo» è azzardato. Anche se, ripercorrendo gli ultimi mesi e i passi compiuti dall’una e dall’altra parte, forse la distanza incolmabile è l’unica cosa reale.

www.ilmessaggero.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>