Focus “Residenze a confronto”

residenza22Promosso e finanziato dal MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) e dalla Regione Lazio (Assessorato alla Cultura e alle Politiche Giovanili)

Giovedì 24 Marzo 2016 – Sala Polifunzionale a Montopoli di Sabina (Ri)

In collaborazione con i comuni di Montopoli di Sabina, Poggio Mirteto e Salisano e Associazione Casa della Locusta, Teatro Alchemico, Associazione Giovanile Hic&Tunc e ARCI Teatro

“La relazione della Residenza con il territorio: formazione e nuovo pubblico”: è questo il tema del focus che si terrà giovedi 24 marzo a Montopoli di Sabina dalle ore 11.30 nella Sala Polifunzionale in via Vittorio Veneto.

Il Focus intende aprire un confronto con gli altri titolari di Residenza ed esperti del settore attraverso il racconto dell’operato con il fine di illustrare la fruizione culturale dello spettatore nel proprio contesto sociale e territoriale; analizzare l’esperienza della residenza artistica sia come riflesso sulla comunità che come risultato artistico; condividere le buone pratiche in rapporto alla formazione del pubblico, individuando le principali comunanze e differenze nelle azioni adottate dai titolari ed esperti del settore all’interno delle rispettive Residenze.
Coordinano l’incontro Maurizio Panici, responsabile di Argo produzioni e  Lucio Argano, Docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, l’Università degli Studi di Genova e l’Università degli Studi di Roma Tre – Presidente Commissione Consultiva Teatro MiBACT,  coadiuvati da Lidia Di Girolamo del Teatro delle Condizioni Avverse.
Porteranno la loro testimonianza molte realtà territoriali e nazionali.
Dopo i saluti istituzionali e l’introduzione a cura del Sindaco del Comune di Montopoli di Sabina Antimo Grilli, dell’Assessore alla Cultura di Montopoli di Sabina Valentina Alfei, del Sindaco del Comune di Salisano Lucio Neri e del Sindaco del Comune di Poggio Mirteto Giancarlo Micarelli e dell’Assessore alla Cultura di Poggio Mirteto Cristina Rinaldi si terrà la dimostrazione del progetto artistico “Punta Sicca” della compagnia Die Ruhe Aps Compagnia La Quiete di Bologna, ospitata nella Residenza Multidisciplinare della Bassa Sabina accompagnata da un intervento di Pietro Piva, artista della compagnia in residenza mentre Valentina Piazza riferirà sull’operato artistico della seconda Compagnia in Residenza: Kuziba Teatro di Ruvo di Puglia (Bari) con il progetto “L’Estranea di casa”.
Per il tema dell’interazione del pubblico e degli artisti in Residenza attraverso la rete partenariale sono stati invitati: Umberto Carraccia e Federica Scappa del Teatro Alchemico di Rieti; Manuela Rossetti della Casa della Locusta di Roma; Carlo Testini, Referente ARCI Cultura Nazionale e responsabile ARCI Teatro; Francesca Paiella, Attrice e pedagoga di Arci Rieti Comitato Provinciale; Alessandra Orsini, professoressa della scuola secondaria di Primo grado dell’Istituto Comprensivo di Poggio Mirteto.

Porteranno la loro testimonianza: il
Dott. Roberto Sardo, responsabile del Centro Diurno del Distretto sociale della Bassa Sabina – ambito territoriale RI/2 e la Dott.ssa Claudia Giannelli, responsabile Cooperativa Magliana 80, gestore Casa per Rifugiati e Richiedenti asilo di Montopoli Sabina (RI) in riferimento agli interventi sul territorio e l’interazione con un “nuovo pubblico”. Infine per avere uno sguardo sul territorio nazionale saranno presenti:
Giancarlo Luce della Residenza Teatrale delle Forche di Massafra (Taranto, Puglia); Martina Pagliucoli e Natasha Czertok della Residenza Teatro Nucleo di Pontelagoscuro (Ferrara, Emilia Romagna); Andrea Naso della Residenza Dracma Centro Sperimentale nel Comune di Polistena (Reggio Calabria, Calabria) e Gloria Sapio della Residenza artistica di Compagnia Settimo Cielo – Teatro La Fenice di Arsoli (Roma, Lazio).
L’incontro si concluderà alle ore 19:00 ed è aperto a tutti.

Mercoledi 23 marzo, a Frosinone, si terrà una prima parte del focus organizzato dalla Residenza Errare Persona e coordinato da Damiana Leone sulle pratiche della drammaturgia contemporanea e del teatro civile in rapporto alla formazione del pubblico.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>