Pendolari Romanord. La fase 2

100508758_3265937036760584_6108736310132867072_nDal 18 maggio è iniziata la fase più brutta per la nostra ferrovia.

Con la riapertura di parte delle attività, che avrà il suo culmine dal 3 giugno, stiamo assistendo alla solita “gestione” di ATAC non efficacemente controllata dalla Regione Lazio.

Su un orario misero in extraurbana stanno saltando quotidianamente altre corse, e si inizia a sopprimere anche in tratta urbana.

Questo è un danno grave non solo per il servizio, ma anche per la salute dei pendolari. Con il 50% di corse in meno in tratta extraurbana non c’è distanziamento sociale che tenga. Non ci sono addetti che regolamentano l’accesso in stazione e ai treni, come avevamo chiesto, non sono state ripristinate le corse, come avevamo chiesto, non ci sono dispositivi igienizzanti né in stazione né sui treni, come avevamo chiesto. Le prescrizioni del Governo per l’emergenza Covid19 in questo momento sono completamente disattese.

I pendolari adesso hanno PAURA a prendere il treno, e questo è un dato di fatto. Il traffico veicolare su gomma sta aumentando giorno dopo giorno e le solite promesse non bastano per evitare il contagio. E quando da settembre ricominceranno le scuole?

Abbiamo quindi bisogno di tempi certi per:

  • l’arrivo dei nuovi treni
  • l’inizio lavori di raddoppio per la tratta extraurbana
  • concludere i lavori della nuova stazione di flaminio
  • il ripristino delle corse soppresse per ritornare all’orario in vigore prima dell’emergenza covid19
  • l’attivazione navette bus aggiuntive in automatico in caso di soppressione treno.

Queste sono le domande che facciamo da mesi durante gli incontri ai quali partecipiamo, ma forse la domanda vera è: la romanord sta per essere troncata della sua parte extraurbana? Se è così lo sapremo presto.

Pendolari Romanord – comunicato del 26 maggio 2020 (PDF)

Intanto ecco qualche foto che testimonia quello che accadendo da qualche giorno.

 

100691092_10223024523308121_6149129476824367104_o

Dal 18 maggio è iniziata la fase più brutta per la nostra ferrovia.
Con la riapertura di parte delle attività, che avrà il suo culmine dal 3 giugno, stiamo assistendo alla solita “gestione” di ATAC non efficacemente controllata dalla Regione Lazio….

Link al nostro articolo.

Saluti

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>