Fase 2, tutti a correre nei prati intorno a Monterotondo. Il sindaco sbotta: “Così non va” e manda i vigili

monterotondo14Fase 2, tutti a correre nei prati intorno a Monterotondo. Il sindaco sbotta: “Così non va” e manda i vigili.

Non è assolutamente soddisfatto di come stanno andando le cose il sindaco di Monterotondo Riccardo Varone. Con l’inizio della fase 2 molti monterotondesi (e non) sono scesi lungo le strade del territorio per tornare a respirare “libertà”. I luoghi di ritrovo sono sempre gli stessi e, infatti, negli ultimi giorni si sono registrati numerosi casi di assembramento. “Stiamo controllando anche i parchi cittadini e i luoghi di assembramento – ha spiegato il primo cittadino – come la ‘Passeggiata’, il Centro Storico e le zone periferiche come ad esempio Fratini”. Si tratta della Macchia del Barco, luogo diventato già “culto” per runner e comitive di giovani ragazzi e ragazze. Sabato e domenica devo dire che gli assembramenti più preoccupanti si sono registrati proprio nelle zone all’aperto e nei prati in zona “Fratini” dove siamo stati costretti ed effettuare alcuni passaggi con la Polizia Locale, Carabinieri e i volontari della Protezione Civile per allontanare le persone. Giocare a pallone, oltretutto nei campi coltivati, non è sicuramente opportuno in questa fase e poco rispettoso per chi lavora quotidianamente la terra con fatica e amore”.

Per approfondire leggi anche: A Monterotondo riaperti i parchi, ma a numero chiuso
Varone si dice “preoccupato, non abbassiamo la guardia, non crediamo che tutto sia finito il 4 maggio con un tana libera tutti, non è così. Stiamo migliorando, ma le prossime settimane, anche in vista delle altre ed importanti riaperture del 18 maggio, saranno fondamentali. Chi riprenderà le attività commerciali e lavorative, so che sicuramente adotterà tutte le precauzioni e rispetterà le indicazioni del governo: aiutiamoli anche noi. Indossiamo sempre la mascherina nei luoghi al chiuso e supportiamo le attività di Monterotondo”.

corrieredirieti.corr.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>