Coronavirus fase 2, Fara Bene Comune: “Il sindaco aiuti asili nido e ludoteche a ripartire”

--davide_basilicataCoronavirus fase 2, Fara Bene Comune: “Il sindaco aiuti asili nido e ludoteche a ripartire”.

Il blocco dei servizi scolastici per via dell’emergenza coronavirus ha portato una riduzione delle spese, da parte del Comune di Fara Sabina, nei confronti di quei “servizi” collegati come trasporto scolastico, vigilanza sui pullmini, vigilanza per alunni disabili e la gestione dell’asilo nido comunale. Costi che, secondo una stima elaborata dai consiglieri del gruppo di minoranza di Fara Bene Comune, ammonterebbe circa a 225 mila euro. Un piccolo “tesoretto”, che potrebbe essere riutilizzato per sostenere quelle strutture scolastiche che sul territorio svolgono servizi di ludoteca, nidi di famiglia e nidi privati. E’ questa la proposta che il gruppo di minoranza ha formulato all’amministrazione comunale.

Per approfondire leggi anche: Coronavirus, ecco l’incidenza comune per comune

“Quelle strutture, non essendo accreditate e gestite direttamente dalla pubblica amministrazione, non hanno diritto ad alcun sostegno pubblico, pur svolgendo un servizio essenziale per centinaia di famiglie del territorio – spiega il consigliere di Fara Bene Comune, Danilo Maestri, a nome del gruppo – l’idea che abbiamo proposto al sindaco Davide Basilicata, dunque, è quella di destinare parte di quei risparmi al sostentamento di queste strutture, previa la presentazione, ad esempio, di un progetto per centri estivi o campi scuola”.

corrieredirieti.corr.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>