Riprendiamoci la scuola. La lettera della docente e la risposta da Roma. Scriveteci

coronavirus-scuolaFirenze, 30 aprile 2020 – Una lettera sulla scuola indirizzata alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, scritta da un’insegnante di Borgo San Lorenzo, Sabina Mazzoldi. E per noi un’occasione di aprire un dibattito con voi lettori: mandateci le vostre idee, i vostri pensieri, il racconto delle vostre esperienze sul tema scuola e le pubblicheremo. Potete scrivere alla mail online@lanazione.net indicando nell’oggetto “dibattito scuola”.

La lettera dell’insegnante
“Cara Ministra, sono un’insegnante come tanti altri (centinaia di migliaia) che da oltre 50 giorni cerca di continuare dignitosamente a svolgere il proprio lavoro. In un paese immobilizzato dal virus e dalla paura, il mondo della scuola si è mosso freneticamente per inventarsi in una manciata di giorni un nuovo modo di insegnare. La politica (come sempre) ci ha lasciati soli e ha lasciati soli milioni di famiglie che hanno dovuto imparare prima che cosa voglia dire DAD e poi che ci vogliono computer (possibilmente uno per figlio), connessioni (possibilmente veloci), giga (tanti giga, centinaia di giga) e tanto tanto tempo (per scaricare documenti, cercare di aprirli, caricare documenti, imparare l’uso di applicazioni di tutti i tipi).
Come spesso è accaduto nel mondo della scuola, i più (vecchi e giovani) si sono rimboccati le maniche e a testa bassa hanno cercato di continuare a ‘dire’ – attraverso la matematica, la fisica, l’italiano, il latino, il greco, la storia, la filosofia, le scienze, l’arte, le lingue… ma anche le scienze motorie  –  che l’uomo è tale se esprime la sua dignità intellettuale anche (e soprattutto) nei momenti drammatici della sua storia (che sia la storia individuale o quella con la S maiuscola).

Non è stato facile, sa. Non si è trattato solo di capire come fare a raggiungere virtualmente decine di studenti (qualcuno di noi ne ha anche 150/200) e ‘insegnare’ in una lingua diversa da quella finora usata ‘in presenza’. Abbiamo dovuto prima di tutto fare i conti con le nostre e le loro paure, l’isolamento forzato, l’esclusione dalle relazioni sociali e talvolta affettive, la compressione di una convivenza familiare h24 che negli adolescenti (e non solo) può essere esplosiva; e poi la malattia, il distacco, il lutto. In molti, docenti e studenti, abbiamo capito ora come non mai che lo studio e la conoscenza sono un’ancora per non andare alla deriva, un faro per illuminare la notte dell’incertezza e dell’attesa, la bussola per scegliere una strada, quando non c’è nessuno (neppure chi dovrebbe per il ruolo politico e istituzionale che svolge) che indichi almeno in che direzione andare. Nel mondo paralizzato le teste dei nostri ragazzi hanno continuato a lavorare, hanno dimostrato serietà e impegno, hanno continuato a costruire – anche se virtualmente e spesso senza saperlo – il loro e il nostro futuro.
A poco più di un mese dalla fine della scuola, nessuno ha ancora detto a questi ragazzi come e quando finirà il loro anno scolastico; nessuno si è preso ancora la responsabilità di decidere che tipo di esame di stato dovranno sostenere coloro che nella scuola non rientreranno più.

Noi continuiamo a parlare loro di letteratura e di letterature, di scienze astratte e applicate, di arte, di pensiero e di storia, ‘cose’ in cui ancora crediamo (anche se sempre più spesso il mondo fuori della scuola ci chiede a che cosa servano o ci dice, senza ritegno e senza rispetto, che non servono più a niente); ma soprattutto continuiamo a caricarci delle loro incertezze, delle loro preoccupazioni, delle loro delusioni, del loro sconforto.

Non ci chieda, la prego, di tradurre tutto questo in un numero, non ci chieda che la logica spesso miope di quantificare tutto marchi con un 5, un 6… un 9 le loro storie personali (‘connesse’ o ‘sconnesse’; piene di aiuti e di affetti, o di emarginazione e solitudine; leggère di serenità o pesanti di dolore e di perdita), perché è questo che ci chiamerebbe a fare: in questo momento conoscenze, capacità e competenze non sono valutabili con l’onestà professionale che deve guidarci.
Ce li porteremo tutti all’anno prossimo: allora ci sorprenderemo di come i nostri ragazzi siano cresciuti in una manciata di mesi, conteremo i danni di mesi drammatici, con oggettività e responsabilità e, mi creda, come sempre ci rimboccheremo le maniche. Grazie”.

Sabina Mazzoldi – Borgo San Lorenzo

La risposta di Gabriele Toccafondi
“Carissima insegnante, magari fosse così semplice, ma purtroppo non lo è. Nessuno ha la bacchetta magica. 58 giorni fa la scuola ha chiuso improvvisamente e in tutta Italia, lasciando a casa, senza alcun preavviso, 9 milioni di bambini, ragazzi e adolescenti. Dire che la politica non esiste e non fa niente è semplice, e pensare di avere la verità in tasca, la soluzione a portata di mano è ormai quasi uno sport quotidiano. Nell’arco di poche ore milioni di famiglie, di ragazzi e di insegnanti hanno scoperto che il giorno dopo non ci sarebbe stata scuola. Senza preavviso, senza un piano studiato prima, senza una alternativa codificata e a cui tutti erano pronti. Dal giorno dopo però tanti insegnanti, senza aspettare nullaosta o circolari ministeriali, si sono subito messi in contatto con i propri ragazzi. Perché la scuola non è semplicemente un percorso nozionistico, burocratico o formale, ma un percorso educativo.

Proprio in questo momento così buio tanti insegnanti hanno ben compreso quanto, era necessario non interrompere quel rapporto educativo. Lo ha inteso e velocemente anche il Ministero. Circolari, note, risorse, didattica a distanza sono poi arrivate in tempi veloci, in maniera poco burocratica, con fiducia verso l’autonomia scolastica, verso dirigenti e Docenti. Anche economicamente, sono subito arrivati soldi – 85 milioni – e spero ne arriveranno altrettanti a breve, per aiutare i ragazzi che hanno difficoltà a seguire la didattica a distanza perché privi di mezzi. Ho apprezzato che questi soldi siano arrivati direttamente alle scuole, che siano stati spesi subito, e che pc e tablet siano stati consegnati in tempo record e in comodato d’uso gratuito alle famiglie che ne avevano più bisogno.
Io ho sempre ringraziato dirigenti e docenti per il lavoro che ho visto in questi mesi di emergenza. E proprio a causa di questa emergenza mai vista prima, qualcuno poteva dire: diamo il 6 politico e tutti promossi, come se l’anno scolastico non fosse ma esistito. Ma non è così. Da settembre a febbraio la scuola in presenza c’è stata e da marzo fino a giugno anche se in didattica a distanza ci sarà.

Voglio anche sottolineare che nonostante le difficoltà oggettive è stato salvato l’esame di Stato, che sarà svolto a scuola, in presenza. Purtroppo meno si è riusciti a fare per l’esame di terza media. Sulla valutazione invece, resta ma nessuno boccia, e chi ha lacune riprenderà dal primo di settembre con corsi di recupero. Per tutte le altre lezioni infine, confido che possano riprendere quanto prima a scuola, in sicurezza, con dispositivi e distanze.

Potevamo fare di più? Certo. Ma dire che non si è fatto niente, che tutta va male, che tutto è sbagliato, che la politica non esiste e non ha fatto niente non è vero. Mi permetto dirlo, per correttezza, per quello che ho visto e perché a scuola mi hanno insegnato che occorre sempre dare le ragioni delle proprie posizioni”.

Gabriele Toccafondi – Ex sottosegretario all’Istruzione, Ricerca e Università. Deputato Italia VIva

www.lanazione.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>