Tumori: oncologi contro Amazon, vende libri con false terapie su cancro

fake_news_fgDal bere il succo di carota, alla dieta alcalina fino a quella a base di olio di cannabiodiolo.

Gli oncologi contro il colosso delle vendite online Amazon per i tanti libri con terapie ‘bufala’, spesso diete, contro il cancro disponibili sulla piattaforma online: da bere il succo di carota alla dieta alcalina fino a quella a base di olio di cannabidiolo estratto dalla cannabis. Secondo gli esperti, sono oltre 3000 i titoli elencati su Amazon che appaiono quando si cerca ‘cure per il cancro’. Tra i vari titoli anche quello di un erborista, che afferma di aver curato Michael Jackson per la sua dipendenza da antidolorifici prima della morte, che propone una dieta alcalina che potrebbe aiutare contro il cancro. “Le linee guida di Amazon sui contenuti – sottolinea il ‘Daily Mail’ – spiegano che alcuni libri venduti sul sito potrebbero essere ‘discutibili’ per alcuni clienti. ma secondo l’azienda va rispettata anche la varietà dei punti di vista”.

Secondo Martin Ledwick, Cancer Research Uk, “quando le persone si trovano in situazioni disperate spesso vanno su internet e trovano contenuti che sostengono soluzioni a cui normalmente non crederebbero, ma se sono persone vulnerabili vogliono crederci. E’ un po’ irragionevole per le aziende fare soldi con cure che non funzionano. Se qualcuno – prosegue – sta prendendo in considerazione un trattamento non convenzionale dovrebbe davvero parlarne con il proprio medico. Spesso queste ‘terapie’ non funzionano e a volte potrebbero anche fare del male”.

L’analisi del ‘Daily Mail’, che non ha esaminato tutti i 3000 titoli, ma ha scoperto che 24 dei libri venduti nelle prime tre pagine che appaiono nella ricerca “contenevano false informazioni su cure mai verificate scientificamente”. Ad esempio c’è ‘The doctor who cures cancer’, 402 pagine dedicate al controverso Emanuel Revici, il cui ‘metodo’ si basava sul fatto che il cancro dovesse essere curato come uno squilibrio chimico. Il commento di Edzard Ernst, ricercatore di medicina complementare all’Exeter University, su questo metodo è che “non ci sono prove valide della sua efficacia”. Altro volume in vendita su Amazon è ‘Dr Sebi cancer cure’ che promuove una dieta alcanina “per invertire il cancro”. La teoria è che i tumori prosperano in ambiente acido e quindi mangiare più cibi alcalini – come frutta e verdura – potrebbe cambiare i livelli di ph del sangue. Ma nessun cibo o bevanda può curare il cancro e nessuno studio ha mai dimostrato che il livello di ph del sangue può essere modificato attraverso la dieta.

Nella lista curata dal ‘Daily Mail’ c’è anche ‘Curing cancer with carrots’ racconta la storia di Anna Cameron, una donna che sostiene di aver curato il cancro al colon in fase avanzata bevendo il succo di carota. Rifiutando la chemioterapia, la donna ha scelto di provare a bere 2,26 litri di succo di carota ogni giorno dopo essersi imbattuta in articoli online che ipotizzavano un aiuto da parte della pianta. Nel suo libro descrive come le carote possono ripristinare il potere naturale del corpo di uccidere i tumori.

Altro titolo che ha fatto discutere gli oncologi è ‘The definitive Guide on the management and cure of testicular cancer using cbd oil’ scritto da Margret Silvia che descrive in dettaglio come il prodotto a base di cannabis può “combattere le cellule tumorali”. Secondo Ledwick “non ci sono prove che questo tipo di cura possa aiutare a combattere il cancro”. In conclusione, Edzard Ernst, ricercatore di medicina complementare all’Exeter University, lancia un suggerimento ad Amazon: “sarebbe un passo nella giusta direzione se donasse parte dei suoi profitti a organizzazioni benefiche e ad istituti di ricerca contro il cancro”.

www.today.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>