«Grandi giardiniere d’Italia»: alla scoperta delle appassionate del verde

puglionisiNicoletta Campanella domenica 2 giugno a Fara Sabina, alla manifestazione «Passeggiando tra le rose», presenterà il suo nuovo libro.

Ha fondato una collana editoriale ed una casa editrice dedicata ai fiori. E di verde e di petali scrive. È Nicoletta Campanella che domenica 2 giugno a Fara Sabina, durante la manifestazione «Passeggiando tra le rose», presenterà il suo nuovo libro «Grandi giardiniere d’Italia», un viaggio alla scoperta di alcune tra le protagoniste del giardinaggio italiano e dei loro giardini, piccoli-grandi universi che le rappresentano. Con un focus soprattutto sui giardini del Lazio e sugli itinerari botanici più suggestivi della nostra regione.

Le protagoniste
Nelle pagine si incontrano Ursula Salghetti Drioli Piacenza e tutta la storia di Boccanegra e di Ellen Ann Willmott che lo volle con tutte le sue forze; Maresa Del Bufalo e la sua creatura verde di Valleranello; Antonella Fineschi e il più importante giardino botanico di rose del mondo. E poi troviamo gli universi fioriti di Lily d’Aragona, Maria Augusta Eroli, Mirella Presot Collavini, Marcella Montano Musetti, Rossella Puglionisi Sasso, Cristiana Cecconi Croff. Tutte donne che amano profondamente la natura e che con passione e competenza professionale hanno dato vita e si prendono cura di giardini con l’anima. E in qualche caso il loro impegno ha fatto vivere aree di verde che forse, altrimenti, sarebbero andate perse. Numerosi i focus botanici curati da Rita Oliva e Stefano Marzullo con schede dettagliate, foto e curiosità dedicate alle rose Miniatura che animano uno degli angoli del giardino botanico di Cavriglia, alle essenze più caratteristiche dello storico Boccanegra e ai maestosi alberi vestiti di rose di Valleranello.

roma.corriere.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>