Notturni della città. Itinerari di narrazioni nelle città. Raccontare storie nei luoghi dove sono accadute

residenza1118E alla fine di tutto il nostro esplorare arriveremo là dove eravamo partiti e per la prima volta conosceremo quel luogo. (Thomas Eliot)

Giovedì 1 novembre partono in Sabina i viaggi teatrali del Teatro delle Condizioni Avverse all’interno del progetto di Residenza Multidisciplinare della Bassa Sabina Terrarte, finanziato dal MiBAC e dalla Regione Lazio in attuazione delle disposizioni dell’art. 43 – “Residenze” del D.M. 27 luglio 2017, e del progetto finanziato ai sensi della Legge Regionale 26/2009 Avviso Pubblico finalizzato alla promozione dei Sistemi Museali, Bibliotecari e archivi Storici con la partecipazione del Sistema Bibliotecario dell’Unione dei Comuni della Bassa Sabina ed in collaborazione con le Biblioteche di Forano, Montopoli di Sabina e Poggio Mirteto. Il progetto nasce da un’idea di Andrea Maurizi del Teatro Delle Condizioni Avverse di Poggio Mirteto (Rieti), con il tutoraggio artistico di Marco Baliani e Maria Maglietta.

I “Notturni della città” sono viaggi-spettacolo in cui gli spettatori, vivono l’esperienza del viaggio come un racconto dal sapore cinematografico e poetico.

I notturni sono percorsi nella memoria delle città per narrare le utopie e i sogni degli ultimi, o dei poeti, e per raccontare storie di uomini del ‘900 che in quelle strade hanno combattuto contro un potere più grande di loro; storie di lotta, di Resistenza, di terrorismo, di mafia. Una riscoperta di storie scomode, storie “da dimenticare”, “storie sbagliate”. Storie da narrare sottovoce, nei luoghi dove sono accadute.

I Notturni sono monologhi che verranno realizzati in automobile, un mezzo quotidiano che diventa ambientazione avvolgente, ovattata e intima di uno spettacolo avente come scenografia i vicoli, le piazze e i palazzi cittadini. Un caleidoscopio mobile e invisibile da cui gli spettatori possono guardare il mondo senza essere visti, manovrato dal narratore stesso che proietta storie e visioni direttamente nelle strade in cui sono accadute, rendendo mutabili e sovversivi i percorsi ed i mezzi del nostro quotidiano.

I percorsi dei Notturni si ramificano come delle vere e proprie linee urbane, le stazioni sono le storie da raccontare ed i capolinea le biblioteche scelte come punto di partenza (e di arrivo) del viaggio. I percorsi partono dalla Biblioteca Comunale “Angelo Vassallo” di Montopoli di Sabina oppure dalla Biblioteca Comunale di Forano o dalla Biblioteca Comunale “Peppino Impastato” di Poggio Mirteto, dove, all’ora concordata, l’attore-narratore chiama a sé i passeggeri, li accompagna in macchina e comincia il suo viaggio. Le linee possono intersecarsi, scambiarsi, sovrapporsi, fino a ridisegnare la trama del tessuto urbano. Le stazioni sono le soste del viaggio ovvero i momenti in cui l’attore – narratore ferma la macchina e racconta una storia nel luogo dov’è avvenuta; ci sono stazioni (o storie) dove si intersecano tutte le linee della città, stazioni più frequentate di altre oppure stazioni dimenticate. Tutte le linee terminano nel luogo da cui sono partite.

DATA, LUOGO E ORA:

PERCORSO 1: nei giorni 1-2-3 novembre. Partenza alle ore 21.00 dalla Biblioteca “Angelo Vassallo” di Montopoli Sabina con Alessandro Blasioli

PERCORSO 2: nei giorni 1-2-3 novembre. Partenza alle ore 21.00 dalla Biblioteca “Peppino Impastato” di Poggio Mirteto con Andrea Maurizi

PERCORSO 3: nei giorni 8-9-11 novembre. Partenza alle ore 21.00 dalla Biblioteca Comunale di Forano con Andrea Maurizi

DURATA: circa 2 ore; 3 repliche gratuite per tre giornate di apertura straordinaria di ciascuna Biblioteca. Gli spettacoli sono su prenotazione al numero 328.1125107 oppure via email indicando un recapito telefonico.

CONTATTI:
Teatro delle Condizioni Avverse
info@condizioniavverse.org
www.condizioniavverse.org

 

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>