Fiano Romano. La Guardia di Finanza sequestra il Castello Bracci: è riconducibile a un pluripregiudicato

castello bracci-2La Guardia di Finanza ha stimato un “tesoretto” del valore di oltre 5 milioni di euro riconducibile al pluripregiudicato Angelo Capriotti e ad alcuni dei suoi familiari.
Capriotti è stato arrestato lo scorso 4 aprile, insieme ad altri complici, per riciclaggio.

Tra le proprietà in questione anche “Castello Bracci” con la relativa tenuta a Fiano Romano nonostante risultasse tutto intestato alla S.r.l “MADE”, il cui rappresentante legale è uno dei figli di Capriotti mentre il capitale sociale risulta detenuto da una persona giuridica di diritto monegasco (la CASTEL ROCK) è rappresentata da Sandro Bosi, noto antiquario.
Vale la pena ricordare che Capriotti, dalla su pagina Facebook e su altri siti, pubblicizzava l’offerta in locazione del castello a 9mila euro al giorno.
Il nucleo di polizia economico-finanziario della Capitale ha accertato che il Capriotti, prima dell’arresto, reimpiegava somme di denaro di provenienza illecita, in più risulta anche un’attività di intestazione fittizia di beni, insieme ai suoi complici.

www.tiburno.tv

;

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>