E-commerce, nasce la grande distribuzione solidale nella Valle del Tevere

cls9Il progetto, sponsorizzato dai sindaci della vallata, prevede la valorizzare dei prodotti rurali e artigianali del territorio e la consegna nell’area metropolitana secondo un modello di sviluppo ecosostenibile.

Un progetto alternativo ad Amazon, sponsorizzato dai sindaci dei comuni della Valle del Tevere per valorizzare i prodotti rurali e artigianali del territorio e distribuirli nell’area metropolitana della Capitale. Un progetto in grado di creare posti di lavoro e ottimizzare la distribuzione delle merci secondo un modello di sviluppo ecosostenibile. Nascerà nell’aria industriale di Fiano Romano dove è già stato inaugurato uno sportello aperto alle aziende locali per “rendere visibili” i prodotti “altrimenti invisibili”.

L’obiettivo è commercializzarli direttamente verso i 5 milioni di cittadini che orbitano nell’hinterland romano utilizzando veicoli a basso impatto ambientale. in particolare nelle aree delimitate dalla Ztl del centro storico. Il progetto a cui è stato dato il nome di “Prospettiva lavoro – Roma è qui” è già attivo nelle regione dell’Italia centrale e prevede la realizzazione di un portale per il commercio elettronico, una piattaforma informatica in sinergia con grande distribuzione.

“L’80% delle persone che riceviamo nei nostri uffici – spiega Ottorino Ferilli, sindaco di Fiano – si rivolge a noi per questioni che riguardano la ricerca di un posto di lavoro. Grazie a questo progetto noi potremo fare da trait-d’union. Servono nuove opportunità ma anche buone pratiche aziendali, una diversa etica aziendale da contrapporre a chi vorrebbe agire in regime di monopolio”. Chiaro il riferimento al gigante Amazon che opera nel vicino impianto di Passo Corese. Il Consorzio cooperativo Cls punta invece ad umanizzare il sistema lavoro. Contratti di 8 ore ma turni di 6 per i lavoratori più anziani, assunzione di 9 lavoratori disabili, in assoluta controtendenza, insomma, rispetto ai tempi compulsivi adottati dai player globali.

All’inaugurazione dello sportello, oltre ad una rappresentanza dei 17 sindaci dei comuni della Valle dei Tevere, hanno partecipato i lavoratori, i carabinieri e anche il parroco di Fiano ha dato la sua “benedizione”. Sfidare i “giganti” della distribuzione è la scommessa ma ormai anche e la specialità di Mario Terra, presidente del Consorzio logistico servizi (Cls), ideatore e promotore. Che spiega: “Il motore vitale del progetto è lo spirito della cooperazione,

un modello vincente che dimostrano le esperienze già in fase attuativa di Ancona, Ascoli Piceno, Vicovaro, Perugia, l’Aquila e Formello”. “Il punto di forza – conclude Mario Terra – sarà la rete info distributiva già operante nelle 5 regioni dell’Italia centrale, i prodotti verranno valorizzati nel più grande mercato domestico nazionale, quello romano, attraverso Il Cdu, il centro di distribuzione urbana romano di San Lorenzo”.

roma.repubblica.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>